Protocollo Napoli

Protocollo Napoli

Consulenza psicologica nei procedimenti giudiziari per separazione e divorzio

Questo studio recepisce e attua il “Protocollo Napoli”, le linee-guida in materia di consulenza psicologica in caso di violenza, nella cornice della Convenzione di Istanbul.

Nei casi di violenza domestica e violenza assistita da parte dei bambini, gli esperti possono essere chiamati a valutare le condizioni per l’affidamento dei figli nella fase di separazione. Affinché sia garantita la tutela psicofisica non solo dei minori ma anche delle loro madri, vi sono dei principi ineludibili ai quali richiamarsi per gestire il caso non come una comune separazione, ma una situazione nella quale la sicurezza delle vittime della violenza va messa al primo posto.

Le colleghe Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale ed Ester Ricciardelli definiscono i seguenti punti:

a) Valutare la presenza di violenza domestica nei confronti della madre (IPV)
b) Sollecitare gli esperti a un sempre maggiore approfondimento della specificità
c) Promuovere la distinzione tra intervento psicologico valutativo e trattamento
d) Promuovere l’ascolto del minore, partendo dal diritto alla ‘Safety First’
e) Promuovere il Dovere-Diritto alla genitorialità (Art. 30 della Costituzione)
f) Promuovere l’adesione solo ai costrutti scientifici validati da organismi internazionali
g) Promuovere modalità di affido che non alterino le abitudini di vita del minore

Valutare se nella famiglia il padre agisce violenza fisica, psicologica, sessuale sulla madre è un elemento di primaria importanza, alla luce del quale comprendere eventuali inadeguatezze sul piano della genitorialità: per il padre in termini di pericolosità; per la madre in termini di sintomatologia traumatica da non confondere con disfunzioni o fragilità personali più strutturali.

Download del protocollo

Continua a leggere

Catastrofi e violenza di genere

Catastrofi e violenza di genere

17-19 maggio 2019: formazione ARES (Associazione Regionale di Emergenza Socio-sanitaria) “Un’ora dopo…one week later – Interventi integrati in medicina delle catastrofi.”

In questo contesto ho potuto gestire un laboratorio rivolto ai medici, infermieri e psicologi dell’emergenza su “Catastrofi e violenza di genere”.

Diversi studi, infatti, suggeriscono che nell’immediatezza di una catastrofe (terremoti, inondazioni, uragani, ecc.) e nelle fasi successive, il tasso di violenza sulle donne e sui bambini tende ad aumentare in termini di frequenza e gravità. La violenza nelle catastrofi è stata poco indagata, tuttavia alcuni studi sistematici sull’argomento mostrano come dopo un disastro tendono ad incrementare la violenza domestica, la violenza sessuale e l’abuso sui minori.

Quando una donna è già vittima di violenza da parte di un partner, è probabile che sperimenti una escalation in termini di frequenza e gravità, subito dopo una catastrofe. La motivazione centrale di ogni forma di violenza sulle donne è il bisogno di potere e controllo del maltrattante. La percezione di controllo naturalmente vacilla in concomitanza con il disastro; di qui l’esigenza di alzare il tiro e ripristinare il controllo attraverso l’unica modalità che conosce: sottomettere, umiliare, schiacciare la volontà dell’altra.

Nelle fasi successive a un disastro, le donne e i bambini esposti a queste forme di violenza vanno più facilmente incontro a un disturbo post-traumatico da stress o altri disturbi d’ansia o depressivi, in quanto  vengono combinati gli effetti di più eventi traumatici.

La situazione delle vittime è particolarmente critica per le donne, in quanto devono fronteggiare l’esacerbazione di comportamenti violenti ai loro danni, nelle già difficili condizioni di sopravvissute ad un disastro:

  • viene meno la loro rete informale di sostegno sociale, aumenta l’isolamento e l’esposizione al controllo del proprio carnefice;
  • la rete formale di supporto e protezione per le donne vittime di violenza collassa. Nella fase dell’emergenza disastro, può essere più difficile ottenere aiuto da forze dell’ordine e servizi locali, a loro volta surclassati e impegnati a fronteggiare l’emergenza;
  • la perdita di beni e risorse stressa il conflitto familiare e riduce le risorse a disposizione della donna per poter interrompere la relazione e mettersi in sicurezza con le proprie forze;
  • Inoltre, la precarietà delle condizioni di vita rende le donne più vulnerabili ad aggressioni di estranei e a stupri – la motivazione di questo fenomeno risiede sempre nel bisogno di potere e controllo.

Il laboratorio è stata una vera e propria esercitazione volta a incrementare la capacità di riconoscere i campanelli di allarme di una relazione maltrattante e fornire spunti per gestire il caso in un contesto emergenziale come quello di un ospedale da campo.

Grazie ad ARES per aver inserito all’interno del proprio programma formativo anche questo laboratorio, dimostrando attenzione alle esigenze delle donne anche in situazioni in cui normalmente tutti gli sforzi sono concentrati a fronteggiare un’emergenza.


Continua a leggere

Uomini maltrattanti e come non cascarci di nuovo

Uomini maltrattanti e come non cascarci di nuovo

Il 18 gennaio 2019 si è tenuto  il convegno dal titolo “Ciao maschio. La rappresentazione del maschile nella cultura della violenza.”

All’evento, organizzato presso la Regione Marche dalla cooperativa Polo 9, ho partecipato rappresentando il centro antiviolenza di Ancona. Dopo che sono state discusse le radici culturali del patriarcato e della rappresentazione del maschile che sottostà alla cultura della violenza sulle donne, sono stati presentati diversi servizi che offrono un percorso di consapevolezza e di responsabilizzazione per uomini che hanno agito violenza nelle relazioni di intimità, in particolare il punto V.O.C.E. che in Ancona ha istituito lo sportello di ascolto per maltrattanti. Come centro antiviolenza, ho avuto il ruolo di riportare l’attenzione sul vissuto delle donne, i soggetti che pagano il prezzo più alto di una mascolinità tossica, in termini di perdita di libertà, autonomia e sicurezza personale.

Ho così potuto portare la mia esperienza di affiancamento delle donne che desiderano liberarsi dalla violenza e sottolineato come anche una donna molto determinata nella sua decisione di lasciare un uomo maltrattante, possa tornare sui propri passi quando lui si mostra pentito e sofferente e dichiara di voler intraprendere un percorso di cambiamento.

Ma come facciamo a sapere se le sue dichiarazioni di buona volontà sono autentiche oppure non sono altro che una manipolazione, una tattica per convincere la donna a tornare sui propri passi e così riprendere potere su di lei?

La decisione di lasciare un uomo, benché violento, è spesso tormentata, difficile, dolorosa e carica di dubbi, soprattutto se la donna non ha una completa autonomia economica e si hanno magari dei figli insieme.

“Lasciarlo o rimanere?”

“Denunciare o no?”

“Le ho davvero provate tutte o c’è ancora qualcosa che posso fare per farlo cambiare?”

“E quanti tentativi devo fare prima di darmi per vinta e andare per la mia strada?”

La scelta di interrompere la relazione è ostacolata così da una serie di auto-accuse del tipo: “Se me ne vado sarò colpevole di aver sfasciato la famiglia, è una scelta egoistica, farò soffrire i miei figli togliendogli il padre, avrò dimostrato di essere un’incapace e un fallimento dome moglie e come madre”. D’altra parte tutti questi pensieri sono ampiamente rinforzati dal maltrattante, che non manca occasione per esplicitare e dare voce a queste accuse.

Ovviamente, se si aggiunge la dichiarazione di aver compreso i propri errori, di aver già fissato un appuntamento da uno psicologo, di voler cambiare seriamente stavolta, ecco che lei può essere tentata di offrire un’altra opportunità, per il bene della famiglia e dei figli, oppure semplicemente perché vuole credere alle promesse di lui.

“Che faccio, non gliela do una chance, proprio adesso che lui sembrerebbe che abbia capito?”

“Sono così cattiva ed egoista da chiudergli la porta in faccia, proprio quando fa lo sforzo di cambiare?”

“Ho sopportato per tanti anni e proprio ora che forse ci siamo cosa faccio, mollo?”

Naturalmente, qualunque essere umano ha la capacità di cambiare e crescere, compresi gli uomini che hanno agito violenza. I dati forniti dai colleghi che operano con i maltrattanti, tuttavia, non sono incoraggianti: pochissimi uomini violenti si rivolgono a questi servizi e ancora meno completano il percorso di consapevolezza che essi offrono. La statistica è impietosa: se un uomo violento dice che è cambiato, è più probabile che sia un inganno, piuttosto che la verità. Non solo: ad ogni ritorno tra le braccia di un uomo violento, ci si espone inevitabilmente ad un rischio di nuove e più gravi violenze. Si tratta quindi di un momento delicato e potenzialmente pericoloso.

Ma da quali elementi si può capire se le parole di lui corrispondono ad una vera spinta a cambiare le proprie modalità relazionali, nella direzione del rispetto? Ecco delle frasi tipiche, che le donne vittime di violenza si sentono dire dai propri maltrattanti per convincerle a tornare da loro. Analizziamole insieme:

“Sono già andato due volte dalla psicologa, come vedi io adesso sono cambiato, quasi non mi riconoscerai, ho capito quanto ti amo e quanto ho bisogno di te per vivere”.

Un percorso di crescita personale di sole due sedute è piuttosto miracoloso. Mettere in discussione fino alle radici i propri presupposti che giustificano comportamenti violenti, di umiliazione, fino alle torture personali gravi, non si fa con un impegno così esiguo. In secondo luogo, “ho bisogno di te per vivere” rivela un attaccamento morboso che è un segnale d’allarme: è proprio l’impossibilità di tollerare sul piano affettivo di perdere la persona amata vista come un oggetto di possesso, a motivare le persecuzioni e la limitazione della libertà della donna.

“Torna a casa, ti prego, faccio tutto quello che mi chiedi, lo giuro, sto troppo male senza di te, sii buona, così mi fai soffrire.”

Lui dà a intendere che cederà il suo potere in favore di lei, facendo tutto quello che lei desidera. Solo fermandosi alla superficie questo può essere rassicurante: lui non sembra infatti possedere l’idea di un rapporto veramente alla pari, fatto di scambio e mediazioni. O mi prendo tutto il potere e ti schiaccio, oppure graziosamente lo cedo tutto a te. In ogni caso, lui non perde occasione per farla sentire in colpa, attribuendole la responsabilità della sua sofferenza. La colpevolizzazione è da sempre una delle armi preferite degli uomini violenti.

“Lo so che ho sbagliato ad alzare le mani su di te, adesso l’ho capito, e anche a dirti tutte quelle brutte cose. Mi faccio schifo se penso a quello che ti ho fatto. Se tu magari riesci ad essere più comprensiva con me, io di sicuro ti mostrerò che posso essere una brava persona.”

Lui apparentemente riconosce di aver sbagliato. Il problema è sempre la sottile manipolazione attraverso la quale suggerisce che un po’ dipende anche da quanto lei riesce a essere “comprensiva”. E’ una inaccettabile condivisione delle responsabilità. Finché lui non si assume la totale responsabilità della violenza che fa, stiamo perdendo tempo.

“Da quando te ne sei andata, ho capito tutto, ho capito che ho sbagliato tante cose. Ma adesso gli errori che ho fatto li ho capiti, è stata tutta colpa mia, ma ora ti prego dammi un’altra opportunità.”

Non ci caschiamo: lui sembra volersi accollare tutte le responsabilità, ma in modo troppo vago e sfuggente. Se si è veramente consapevoli del problema, si deve essere capaci di nominarlo. Il problema della violenza è il fatto di non riuscire ad accettare una partner come una propria pari, con la sua libertà e i suoi diritti. Il problema della violenza è il bisogno di potere e di controllo su di una donna per potersi sentire un “vero uomo” (qualunque cosa voglia dire). Se lui non riesce a riconoscerlo esplicitamente, si tratta di parole vuote, dietro le quali non vi è alcuna consapevolezza.

E infine, attenzione: anche quando un uomo che ha agito violenza riesce a prendere consapevolezza del problema e ad assumersene la responsabilità, questo è comunque l’inizio di un processo di cambiamento, non la fine. E la strada è lunga.

Continua a leggere

L’abuso sessuale in psicoterapia

L’abuso sessuale in psicoterapia

Ogni relazione di potere, potenzialmente, può implicare una qualche forma di abuso da parte di chi è nella posizione dominante. Il rapporto psicoterapeutico non fa eccezione. Per sua natura è un rapporto basato sulla fiducia. E’ asimmetrico e non paritario: uno dei due si affida all’altro per affrontare e risolvere un problema di natura personale. Le confidenze anche molto intime sono unidirezionali (il terapeuta non entra nei dettagli della propria vita) e si suppone vengano trattate dal professionista con competenza e rispetto.

Uno dei modi in cui il rapporto può uscire da determinati confini di correttezza e non rispondere più alle regole del codice deontologico, è quando prende le sembianze di una relazione sessuale tra terapeuta e paziente.

I codici deontologici delle professioni sanitarie vietano sempre i comportamenti sessuali con i pazienti, fin dal giuramento di Ippocrate. Così recita l’art. 28 del Codice deontologico degli psicologi italiani:

“[…] Costituisce grave violazione deontologica effettuare interventi diagnostici, di sostegno psicologico o di psicoterapia rivolti a persone con le quali ha intrattenuto o intrattiene relazioni significative di natura personale, in particolare di natura affettivo-sentimentale e/o sessuale. Parimenti costituisce grave violazione deontologica instaurare le suddette relazioni nel corso del rapporto professionale. […]”

Nessuno psicoterapeuta serio e preparato chiederebbe mai un contatto fisico di natura sessuale (toccamenti, baci, abbracci sensuali) e nemmeno frequentazioni al di fuori delle sedute (appuntamenti galanti, telefonate intime, ecc.). Tuttavia sappiamo che talvolta questo può accadere, con gravi conseguenze per la salute psicologica dei pazienti.

Negli anni ’90 iniziarono studi negli Stati Uniti volti a evidenziare il fenomeno e venne appurato che il 10% dei professionisti interessati dalla ricerca avevano avuto un qualche tipo di coinvolgimento sessuale con pazienti. Perlopiù si trattava di psicoterapeuti uomini con pazienti donne. Non sorprende, perché come già detto, qualunque tipo di rapporto di potere può avere al proprio interno questo tipo di deviazione, in quanto con grande facilità chi è nella posizione di forza grazie alla sua autorevolezza e presunta competenza può approfittare del proprio status per influenzare pensieri e comportamenti e ottenere in modo illegittimo favori sessuali senza nemmeno l’uso della forza fisica.

La relazione psicoterapeutica può in questi casi sfociare in una vera e propria condizione di dipendenza, in cui la paziente è succube del proprio terapeuta, il quale può utilizzare in modo manipolatorio le tecniche di cui dispone per soggiogare, fino alla commissione di veri e propri reati di abuso. Può motivare determinate richieste illegittime presentandole come il risultato di ricerche scientifiche o delle più recenti teorie, oppure come una disinibizione liberatoria, una forma di rilassamento, un lasciarsi andare benefico, un modo per sperimentare relazioni mature come la paziente non ha potuto sperimentare nella sua vita, ecc.

La paziente vittima di questi abusi può sentirsi confusa, in conflitto tra il desiderio di risolvere i propri problemi affidandosi ciecamente al professionista e le proprie sensazioni di disagio, di disgusto o di violazione che avverte.

Questo tipo di interazione non è etico, è illegale, passibile di denuncia penale e motivo di radiazione dall’albo professionale.

Si traduce sempre in un danno economico perché la paziente si trova a dover pagare delle sedute dove non si affrontano i problemi per i quali si è rivolta al professionista, ma soprattutto in pesanti danni psicologici, risultato delle manipolazioni psicologiche e degli abusi sessuali. Come tutti i carnefici, anche il professionista che fuoriesce dai confini del rapporto terapeutico anteponendo i propri desideri sessuali agli obiettivi della psicoterapia, fa ampio ricorso all’inganno, all’insinuazione di sensi di colpa, facendo crescere quel senso di inadeguatezza e di vergogna che gli garantisce il silenzio della sua vittima. In questo modo, qualunque sia la problematica psicologica per la quale la paziente ha deciso di intraprendere un percorso personale, questa non può che peggiorare a fronte di un indebolimento dell’autostima e del senso di controllo sulla propria vita. Inoltre, anche una volta fuori da questa trappola, la vittima potrebbe non riuscire più a risollevarsi e non trovare il coraggio di intraprendere un’altra terapia che l’aiuterebbe, avendo perso fiducia nella psicoterapia in quanto tale.

Intraprendere la psicoterapia giusta scaturisce dall’attenzione e dalla consapevolezza dei propri diritti che un paziente ha nel momento della scelta. Ogni paziente ha il diritto di sentirsi a proprio agio e non vedere violati i propri confini da parte di chi è tenuto all’estrema correttezza proprio in ragione della posizione di vantaggio e di autorevolezza che ricopre.

Se si desidera segnalare al competente Ordine professionale una violazione del codice deontologico da parte di uno psicologo o psicoterapeuta della Regione Marche, basta compilare il form messo a disposizione dall’Ordine. Gli altri Ordini regionali hanno probabilmente modalità simili di segnalazione, basta fare una ricerca nel web. Naturalmente è possibile denunciare queste forme di abuso anche all’Autorità giudiziaria.

Bibliografia:

Singer M.T., Lalich J. (1998) – Psicoterapie “folli”. Conoscerle e difendersi. Ed. Erickson

Codice deontologico degli psicologi italiani

Se ci si ritrova nelle problematiche illustrate in questo articolo,  può essere d’aiuto un supporto emotivo specialistico.

Continua a leggere

La manipolazione affettiva

La manipolazione affettiva

Manipolare significa letteralmente “lavorare con le mani”, “influenzare una persona, farle fare ciò che vuoi.” È di fatto una forma di violenza psicologica e quando avviene all’interno di una relazione sentimentale può avere effetti deleteri sul benessere psicologico, sull’autostima e sulla libertà.

L’obiettivo più o meno consapevole della manipolazione è avere potere sull’altra persona, farla sentire sbagliata usando però modi gentili. Crea dipendenza, rende vulnerabili, porta a mettere in atto comportamenti che non si vorrebbero. Ed è difficile da riconoscere proprio perché mascherata dietro modi che non solo palesemente aggressivi o violenti.

Per diventare più capaci di riconoscerla, vediamo alcune forme che concretamente può prendere la manipolazione. Faccio presente che gli esempi riportati di seguito vedono l’uomo come manipolatore e la donna come vittima di questa manipolazione per due motivi: primo, perché è il caso più frequente (in un sistema ancora patriarcale, sono gli uomini ad essere incoraggiati ad avere potere su una donna e sono le donne a venire educate ad essere sottomesse e disponibili); secondo, perché le presenti riflessioni scaturiscono dal mio lavoro con le donne vittime di violenza ed è a partire dalle loro storie che ho estrapolato gli esempi. Tuttavia, è del tutto evidente che i ruoli potrebbero essere invertiti in alcuni casi e interessare anche le coppie omosessuali.

Esempi di manipolazione affettiva

Ti dice che ti ama, ma di fatto ti sta dicendo che non vai bene

Il messaggio positivo, di amore, ha decisamente più peso sul piano emotivo, e permette di far passare l’altro messaggio: che hai qualcosa di sbagliato.

“Sei bruttina però ti amo lo stesso.”
“Mi piaci tanto, anche se sei cicciottella.”
“Ho un debole per te, sciocchina”.

Ti dice che ti ama, ma di fatto ti fa capire che non ce la farai senza di lui oppure che nessun altro ti vorrà

Come sopra, lo zucchero indora la pillola amara: ti sta dicendo che sei rifiutabile, non amabile, indegna di affetto, incapace, inetta.

“Non ti amerà mai nessuno come ti amo io.”
“Non troverai mai nessuno come me.”
“Non ne combini una giusta … che faresti se non ci fossi io che mi preoccupo per te …”

Ti dice che ti ama, ma ti ricatta

Una potente manipolazione fa leva sull’attaccamento affettivo per ottenere qualcosa da te.

“Se mi ami quanto ti amo io, fai come dico.”
“Se tu continui a fare di testa tua, io sarò costretto a …”
“Dai, non uscire con la tua amica, stai con me. Scegli: o lei o me!”

Ti dice che ti ama, ma fa la vittima

Si tratta di un rovesciamento dei ruoli: porsi nella posizione di vittima sofferente, ma lo scopo è quello di ottenere controllo su di te, facendoti sentire in colpa.

“Io così non ce la faccio più, ti amo da morire, ma mi fai soffrire troppo!”
“Siete tutti contro di me, anche tu che dovresti amarmi non mi aiuti.”
“Se mi devi trattare così, è meglio che la faccio finita!”

Usa parole gentili, ma dice bugie, ti fa credere cose non vere, nega l’evidenza

Questo tipo di manipolazione mira a far vacillare la tua percezione della realtà, facendoti dubitare di te stessa. Più crescono i tuoi dubbi, più lui ottiene potere su di te.

“Ti sbagli, io non ho mai fatto quello che dici …”
“Come puoi lontanamente pensare che … non hai capito niente!”
“Hai frainteso, le cose non sono affatto andate così.”

Usa parole gentili, ma nega ogni responsabilità personale e alla fine la colpa è sempre tua

Il manipolatore è tipicamente una persona che non si assume responsabilità, non vede i propri errori e non li riconosce; cerca di convincerti che sei tu ad aver interamente provocato la situazione problematica di cui si sta discutendo.

“Se io faccio così, è perché tu …”
“Se non fosse per i tuoi problemi, potremmo essere più felici.”

Come capisco che sono vittima di manipolazione

Ascolto i miei sentimenti

Se mi sento spesso inadeguata, incapace, o in colpa; se sperimento frequentemente disagio, timori, dubbi su di me … c’è qualcosa che non va che merita di essere messo meglio a fuoco. In una relazione che funziona, infatti, sebbene possano esserci problemi, ci si valorizza a vicenda, si rispettano i sentimenti di entrambi, ci si conferma a vicenda, ci si rinforza.

Mi domando: lui mi porta a fare cose che non farei mai di mia volontà?

Voglio veramente fare quello che lui mi chiede? Sono sempre io che mi sacrifico? Ho del tempo libero per me, oppure è sempre tutto per lui? Come mi sento a fare scelte libere, sostenuta e valorizzata oppure in colpa? Rimettere a fuoco se stessi, il proprio punto di vista, i propri obiettivi è un potente antidoto contro la manipolazione.

Osservo come vanno a finire le discussioni

Riesco a dire le mie ragioni o no? Chi dei due fa un passo indietro: sempre io o anche lui a volte? Chi chiede scusa all’altro? Chi vince di solito? Se la valutazione è fortemente sbilanciata in suo favore ed è sempre lui ad avere la meglio per un motivo o per l’altro, il rapporto non è veramente alla pari. Forse sto cedendo un po’ troppo spesso?

Cosa posso fare?

  • Mi fido delle mie sensazioni, della mia intelligenza, della mia memoria. Sebbene a volte io possa sbagliare, non può essere che io mi sbagli sempre!
  • Mi prendo le mie responsabilità, ma non tutte le responsabilità. Nei problemi di coppia entrambi hanno un ruolo; se lui non è abbastanza maturo da prendersi le sue colpe, non ci sono le basi per venirne fuori.
  • Dico “no” se quello che mi viene chiesto non va bene per me. E non mi sento in colpa, perché è un mio diritto dire no. In una coppia va bene venirsi incontro, ma attenzione che non sia un processo unidirezionale!
  • Se ho dei dubbi, chiedo consiglio a persone di cui mi fido. Un punto di vista esterno può aiutarmi a riconquistare obiettività sulla situazione.
  • Valuto se continuare la relazione o no. È difficile che auto-sacrificarmi e mettermi in una posizione di subalternità mi possa rendere felice.

Se hai questo tipo di esperienza, non è escluso che stai vivendo all’interno di una relazione che può diventare maltrattante. Scopri come con un percorso di sostegno è possibile ottenere aiuto per fronteggiare la violenza e gli obiettivi che ci si può porre sul piano psicologico in un percorso di fuoriuscita dalla violenza.

Se ci si ritrova nelle problematiche illustrate in questo articolo, è possibile avere un parere professionale in merito.

Continua a leggere

Tecniche comportamentali al servizio della sicurezza

Tecniche comportamentali al servizio della sicurezza

Articolo di Elena Grilli pubblicato nel 2013 su “Psicoin”

Lavorando con donne che subiscono prolungate e reiterate violenze in una relazione sentimentale, emerge in modo sistematico la questione della sicurezza, minacciata e da tutelare, prima di qualunque altro intervento.

Anche le psicologhe e gli psicologi, coinvolti a vario titolo, hanno un ruolo importante nella tutela della sicurezza delle donne.

Tutte le esperienze internazionali mostrano che i paesi in cui il fenomeno della violenza domestica è contrastato con maggiore efficacia ed efficienza, non sono i paesi in cui vi sono le pene più elevate, ma quelli ad alta inclusione, tolleranza della diversità ed intolleranza verso la violenza. Dove la frequenza dei femminicidi è più basso, è dove chi si comporta in modo violento va incontro ad una reazione sociale di rifiuto e biasimo. Dove le donne sono più sicure, è dove l’intera collettività si fa carico della sua sicurezza. Rispetto a questo, è chiaro quale potrebbe essere il ruolo degli psicologi e delle psicologhe nella prevenzione e nel contrasto del fenomeno violento, in termini di sensibilizzazione, educazione alla pace, alla pro-socialità, alla comunicazione assertiva per risolvere i conflitti.

Vi è però un altro tipo di interventi che compete alle psicologhe e che tipicamente vengono attuati in un centro anti-violenza oppure in una casa rifugio. Si tratta di quel percorso volto a ricostruire cognitivamente un pensiero di sicurezza personale, che le donne vittime di abusi possono intraprendere per ricominciare a pensare a se stesse in termini di persone degne di vivere sicure e libere dalla violenza, premessa necessaria affinché loro stesse mettano in atto comportamenti di auto-protezione.

L’obiettivo che mi propongo è quello di illustrare come sia la stessa esposizione ripetuta alla violenza a produrre come risultato l’incapacità delle vittime ad auto-proteggersi. Inoltre cercherò di esporre i metodi e le tecniche che possono essere utilizzati per ripristinare questa capacità e le accortezze da utilizzare in una psicoterapia per salvaguardare la sicurezza di una vittima di violenza domestica.

La capacità di auto-proteggersi

A volte si rimane stupite, nel lavoro quotidiano con donne che hanno subito maltrattamenti, dalla facilità con cui queste si espongono a situazioni rischiose, inclusa la tendenza a ritornare dal proprio partner violento dopo esserne fuggite, una volta cessato lo stato d’allarme conseguente ad una grave aggressione.

Mentre soggiorna in una casa rifugio, Pamela (tutti i nomi sono ovviamente di fantasia) non solo accetta di incontrare l’ex compagno, ma gli affida i due figli per un pomeriggio per andare a prendere un gelato insieme, nonostante lui per intimorirla abbia più volte minacciato di fare del male anche ai bambini. Carolina, che ha subito dal marito violenze talmente sadiche da essere equiparate alle peggiori tecniche di tortura, decide di lasciare la casa rifugio per tornare da lui, perché questi continua a chiamarla, a dichiararle un amore totale e a fare promesse di cambiamento.

Fabiola sminuisce l’ultima feroce aggressione in cui ha rischiato di venire strozzata dal marito e più volte torna a casa sua per prendere delle cose che ha lasciato lì e che, dice, le servivano assolutamente. Carla, che ugualmente ha subito gravi violenze fin dall’inizio del proprio matrimonio, telefona al centro anti-violenza per disdire il successivo appuntamento, dichiarando che non è nulla, si tratta di cose di poco conto, problemini come ce ne sono in tutte le famiglie. Si tratta di alcuni esempi in cui il pensiero di sicurezza personale, per quella donna, non rientra fra le priorità.

In seguito ad un episodio di maltrattamento la richiesta d’aiuto è facilitata dalla reazione di paura innescata dal pericolo oggettivo che la donna deve fronteggiare. In questa fase è più facile per lei pensare alla fuga e alla interruzione definitiva del rapporto malsano. Non di rado, tuttavia, avviene un ripensamento per cui la donna decide di interrompere il percorso intrapreso, dichiara di non volersi più separare, ritira la denuncia, parla di quanto avvenuto normalizzando l’esperienza di abuso, come se fosse incapace di vedere la violenza che solo pochi giorni prima aveva attivato la richiesta d’aiuto. La donna potrebbe addirittura avere la sensazione che il contesto familiare sia rassicurante in quanto prevedibile, controllato, mentre è il mondo esterno ad essere pericoloso, richiestivo, difficoltoso.

Un elemento cruciale che porta queste donne a ragionare e comportarsi così è la sottovalutazione del rischio e la menomata capacità di correttamente decifrare determinate situazioni come pericolose per la propria incolumità. Due sono i principali fattori che concorrono a questa difficoltosa discriminazione del rischio: fattori culturali da un lato e fattori legati all’esperienza di violenza dall’altro.

Fattori culturali
La nostra cultura ci aiuta poco a discriminare tra un uomo affidabile e un uomo violento, tra una relazione sana e una abusante.

Attraverso il processo di socializzazione ci costruiamo una idea precisa di come dovrebbero essere un “vero uomo” e una “vera donna”. Gli stereotipi di genere ci fanno apparire come più appetibili gli individui che si avvicinano a quello stereotipo e meno attraenti quelli che se ne distanziano. Purtroppo per noi donne, gli stereotipi sono altamente ingannevoli. L’idea dominante di “uomo” è infatti corredata da tutta una serie di caratteristiche – duro, forte, poco incline alle emozioni, perfino un po’ brutale e possessivo – che paradossalmente sono i principali segnali d’allarme che all’inizio di una storia sentimentale potrebbero mettere in allarme una donna quando non è ancora coinvolta affettivamente e potrebbe essere più facile per lei stare alla larga da un partner potenzialmente pericoloso. In altre parole, proprio i tratti e i comportamenti che dovrebbero far scattare una reazione di allarme, sono gli stessi che la nostra cultura definisce in modo positivo, come piacevoli, rassicuranti, amabili, affascinanti. Capita così molto spesso che le donne fin dall’inizio di una relazione, accettino determinati comportamenti che sono invece vere e proprie mancanze di rispetto, semplicemente perché classificati – non solo da lei – come i modi in cui il “vero uomo” dovrebbe comportarsi. Film, canzoni, romanzi che abbiamo profondamente amato in effetti mostrano protagonisti maschili brutali o addirittura veri e propri teppisti come modelli attraenti.

Non solo: ci viene insegnato ad interpretare in chiave positiva anche il possesso e il controllo, che sono il principale movente di tutte le violenze sulle donne. Quante volte sentiamo associare il concetto di amore e quello di gelosia, come se fossero sovrapponibili, anzi come se la gelosia fosse indice e misura dell’amore.

Ascoltando i racconti delle donne vittime di violenza domestica, emerge che quasi nessuna di loro ha subito violenze gravi fin dall’inizio della relazione, quasi tutte all’inizio hanno interpretato come attraenti atteggiamenti che solo successivamente si sono esacerbati e sono sfociati in violenza vera e propria. Sono state attratte da lui perché appariva “forte”, “geloso di me”, “protettivo”, “innamorato al punto di fare follie”. Quando poi la violenza è esplosa, erano già coinvolte in una relazione significativa, magari erano già sposate e avevano figli, e a quel punto interrompere la relazione era già molto più difficile. Interrompere la relazione a questo punto, ce lo ricordano le cronache quotidiane, espone anche ad un maggiore rischio di femminicidio.

A volte gli stereotipi culturali ci ingannano talmente tanto da farci perdere di vista la reciprocità: si scivola così in una relazione totalmente controllante, in cui è uno dei due, l’uomo, a detenere il potere e l’altra, la donna, a subirlo. In fondo, non ci insegnano che l’uomo è cacciatore e la donna è la sua preda? L’idea culturalmente dominante di virilità contribuisce non poco, quindi, a intorpidire le capacità di reazione delle donne anche di fronte alle prime manifestazioni aggressive, rendendo così possibile l’inizio di un vero e proprio “intrappolamento”.

Fattori legati all’esperienza di violenza
Una volta intrappolata in una spirale di violenza, la capacità di discriminazione della violenza è destinata a ridursi ulteriormente, in conseguenza di meccanismi di adattamento al contesto violento. L’esposizione prolungata alla violenza produce come risultato un progressivo innalzamento della soglia di tolleranza per cui la donna gradualmente giustifica e tollera gradi crescenti di intensità della violenza. Attraverso meccanismi di minimizzazione, negazione ed auto-colpevolizzazione, in gran parte indotti dal maltrattante, le vittime vanno incontro ad una perdita della percezione della gravità e del reale pericolo.

In seguito ad una aggressione, il maltrattante darà la sua personale lettura dell’accaduto e il suo maggiore potere nella relazione gli consentirà di farla prevalere sulla percezione della donna. Minimizzerà la gravità della violenza e attribuirà la responsabilità alla vittima, giudicando il comportamento di lei come veramente grave (in termini di mancanza di rispetto, provocazione, negligenza, o altri comportamenti da punire).

A rendere il tutto più difficile è il fatto che il maltrattante è anche il partner sentimentale. Tipicamente, in un rapporto maltrattante, si alternano opposte modalità: alla violenza segue una modalità riparativa, fatta di seduzione, rassicurazione, manipolazione che da un lato intrappola la vittima nell’illusione di una felicità possibile, dall’altro la rende sempre più insicura rispetto alle proprie percezioni. Questo ribaltamento delle percezioni porta la donna a non ritenere necessario proteggersi, e anzi a colpevolizzarsi per il proprio comportamento, ritenendolo la causa della reazione violenta dell’altro.

Un altro meccanismo che altera la percezione del pericolo è di tipo fisiologico. Le esperienze di violenza che le donne hanno subito all’interno di una relazione intima hanno sempre almeno una implicazione: l’elevata attivazione fisiologica (arousal) in risposta alla ripetuta esposizione alla violenza fisica, sessuale e verbale. Ogni organismo che deve fronteggiare un pericolo o una minaccia, mette in atto una risposta d’emergenza (tra le altre cose: attivazione del sistema nervoso simpatico, rilascio di adrenalina e messa in tensione dei muscoli scheletrici). Questa esperienza viene comunemente definita “paura” ed è funzionale ad un comportamento di fuga o di difesa. Le donne che subiscono maltrattamenti familiari presentano questo tipo di risposta in modo continuo e ripetitivo a causa di una minaccia reale sempre presente e sempre pronta a scattare al minimo pretesto. È quindi come se l’attivazione fisica non cessasse mai, in uno stato d’allerta che è costante e che può essere alleggerito solo al prezzo di minimizzare o negare la violenza, meccanismi messi in atto dalle donne non solo in conseguenza del lavaggio del cervello del maltrattante: si tratta infatti di meccanismi di resistenza e adattamento al contesto violento che permettono alle donne di sopravvivere in una situazione in cui altrimenti il loro corpo andrebbe incontro ad un rapido esaurimento delle forze. Vivere in uno stato d’allerta incessante, con metabolismo innalzato e tensioni neuromuscolari sempre elevate, comporta un innalzato rischio di disturbi psicosomatici, ansia generalizzata, insonnia, conseguenze che comunque a lungo termine si verificano, ma che a breve termine possono essere alleviate appunto sdrammatizzando, riducendo il rischio percepito, normalizzando l’accaduto.

La percezione del rischio della vittima di violenza domestica cambia continuamente: è elevata subito dopo una aggressione violenta e si riabbassa successivamente per le dinamiche descritte. Anche qualora la donna venga messa in protezione in una casa rifugio, presupponendo quindi una emersione del problema della violenza e una attivazione della risposta istituzionale, è comunque possibile che possano verificarsi ritrattazioni oppure violazioni delle regole di sicurezza della casa rifugio, percepite come esagerate. In quest’ultimo caso, le figure a cui la donna ha chiesto aiuto (assistenti sociali, magistrati, Forze dell’Ordine, ecc.) possono arrivare a mettere in dubbio la sua credibilità, con effetti negativi anche sull’iter giudiziario.

In sintesi, fattori culturali inibiscono la capacità di discriminare comportamenti violenti, etichettandoli come amore e attaccamento e facilitando l’investimento affettivo in una relazione pericolosa; permanere per un certo tempo all’interno di un rapporto abusante, poi, riduce ulteriormente la discriminazione della violenza, fino a rappresentare come “normali” comportamenti che vanno dalla semplice mancanza di rispetto alla vera e propria minaccia per la vita.

Ricostruire la capacità di auto-proteggersi

Capire la risposta al maltrattamento, all’abuso e al controllo ci mette in grado di comprendere il trauma psicologico e il comportamento della donna finché è prigioniera della spirale violenza, che è illogico solo se decontestualizzato, in realtà adattivo nel contesto violento. Per questo motivo è necessario, prima di qualunque intervento psicoterapeutico finalizzato a superare il trauma dell’abuso e al re-empowerment, mettere la vittima in sicurezza e darle un tempo per abbandonare quelle modalità funzionali nel contesto violento, ma disfunzionali al di fuori.
In questa fase del percorso di uscita dalla violenza, alcune metodologie utili possono essere di tipo comportamentista.

Prevenire una aggressione
Ad un Centro anti-violenza può arrivare la richiesta di aiuto di una donna che, per ostacoli vari, non è in condizione di allontanarsi immediatamente dalla propria abitazione o dal proprio partner (non saprebbe dove andare, non ha un lavoro, ha paura di venire uccisa, prima di fuggire vuole attendere che un figlio termini l’anno scolastico, ha in casa un anziano da accudire, ecc.).

In questi casi, è possibile comunque educarla alla sicurezza, aiutandola a riconoscere gli antecedenti delle esplosioni violente e a mettere in atto le strategie che le danno una maggiore probabilità di sottrarsi alla violenza prima che prorompa in modo incontrollabile. La tecnica comportamentista per eccellenza è l’Analisi funzionale: attraverso la ricostruzione dei vari episodi di violenza, la psicologa individua gli antecedenti e le contingenze di rinforzo del comportamento violento.

La donna viene preparata a riconoscere i segnali d’allarme ed addestrata a mettere in atto la cosiddetta tecnica del “time-out”, sottraendosi alla situazione pericolosa prima che la rabbia di lui esploda. La strategia abitualmente utilizzata dalle donne è quella invece di rimanere, obbedire, assecondare, avvicinarsi a lui per ragionare, provare a calmarlo, strategia che a volte le ha effettivamente permesso di rabbonirlo, ma altre volte no. Tale strategia, che può talvolta essere funzionale a breve termine, è comunque sempre disfunzionale a lungo termine, perché fornisce un rinforzo al comportamento violento e dà alla donna una erronea convinzione di controllo sul comportamento di lui. Il time-out, invece, permette di sospendere l’erogazione del rinforzo al comportamento violento e di aumentare la probabilità di bloccare l’escalation al primo segnale premonitore, quando la situazione non è ancora fuori controllo.

Auto-proteggersi durante una aggressione
Quando invece la situazione finisce fuori controllo, la donna è completamente nelle mani del proprio maltrattante. L’aggressione cesserà sempre e solo quando lui lo decide ed indipendentemente dal comportamento di lei. Anche in questo caso, tuttavia, chi si rivolge al Centro anti-violenza può essere addestrata a fare le cose giuste nel panico, auto-proteggersi e proteggere i figli nel limite del possibile e mettere in atto un piano di fuga già esplorato e rappresentato più volte attraverso tecniche di reharsal o simulazioni. Avere una borsa già pronta, i documenti importanti, del denaro messo da parte, numeri di telefono di riferimenti importanti nell’emergenza memorizzati nel cellulare, i figli addestrati a chiamare la polizia piuttosto che cercare di mettersi in mezzo per proteggere la propria madre, chiamare le Forze dell’ordine e fare una sintesi della situazione in modo efficace, sono accorgimenti che possono modificare anche di molto l’esito di una aggressione.

Auto-proteggersi nel post-emergenza
Vi è infine la situazione delle donne che arrivano a prendere una decisione di andarsene e lasciare il partner violento, ad esempio attraverso un passaggio in casa rifugio, ma non necessariamente. Le professioniste che offrono il loro sostegno in questa fase non devono stupirsi se osservano un graduale calo dello stato d’allarme e una successiva sdrammatizzazione delle violenze avvenute. La tentazione a normalizzare l’esperienza di abuso, come già evidenziato, rappresenta più la regola che l’eccezione e saremmo tratte in inganno se pensassimo alla donna come una bugiarda manipolatrice oppure come una sciocca sprovveduta: sta solo mettendo in atto le strategie di difesa che le hanno permesso di sopravvivere nel contesto violento, ha bisogno di un tempo per recuperare fiducia nelle proprie percezioni ed un contatto con la realtà che la violenza necessariamente capovolge.

Le donne possono essere aiutate a discriminare i segnali fisiologici della paura ed educate a non ignorarli, a riconoscere le forme della violenza (compresa la violenza psicologica, sessuale, economica) e le strategie del controllo, a centrarsi su di sé e i propri bisogni, a conoscere i propri diritti affermativi, a ripristinare una visione assertiva di se stessa, come persona che ha il diritto di vivere in sicurezza, libera dalla paura, all’interno di relazioni basate sul rispetto.

La sicurezza in una psicoterapia

La questione della sicurezza non è un aspetto delicato da affrontare solo in un centro anti-violenza o in una casa rifugio. Anche gli psicologi e le psicologhe che svolgono la libera professione oppure che lavorano nei servizi pubblici, a volte si trovano ad averci a che fare. Può accadere ad esempio ad uno psicoterapeuta a cui una donna si rivolge per un disturbo d’ansia, oppure un terapeuta familiare a cui due coniugi chiedono una terapia di coppia, oppure in un Consultorio a cui una donna si rivolge per una interruzione di gravidanza, ecc. – e dall’assessment emerge una problematica di violenza.

Nel trattare casi di violenza domestica, storicamente, si sono fronteggiate due posizioni avverse l’una all’altra: da un lato i fautori delle terapie familiari (principalmente sistemiche, ma non solo), dall’altro l’approccio psicoterapeutico di stampo femminista.

La prima inquadra il problema in termini di schema comunicativo disfunzionale e di escalation alla quale contribuiscono entrambi i partner, attraverso una crescente provocazione reciproca. La terapia proposta è solitamente di coppia.

L’approccio femminista, invece, tende ad attribuire l’intera responsabilità della violenza al suo autore e considera un percorso di coppia controproducente o addirittura pericoloso. Il classico paradigma “di genere” tratta la violenza nelle relazioni intime separando i partner e assegnando la donna vittima delle violenze ad un programma di sostegno ed elaborazione del trauma, mentre l’uomo violento ad un programma spesso di tipo psicoeducativo basato su strategie di gestione della rabbia e assunzione di responsabilità per la violenza.

Le ricerche più recenti sembrano colmare questa apparentemente insanabile divergenza, cercando di distinguere pattern diversi di violenza. In particolare possono essere distinte tre diverse modalità:

1. Controllo coercitivo – coppia caratterizzata da violenza unidirezionale, controllo di un partner sull’altro, intimidazione, paura della donna che di fatto non ha voce, è soggiogata.

2. Violenza situazionale – è spesso reciproca e determinata da una povertà di entrambi i partner rispetto ad abilità di auto-controllo e di regolazione della rabbia, e difficilmente sfocia in danni fisici seri.
3. Violenza e controllo reciproci – entrambi i partner sono controllanti e violenti l’uno verso l’altra.

L’ultima fattispecie è piuttosto rara e la letteratura non offre spunti per il trattamento.

Un percorso di coppia può invece essere pensato per la violenza cosiddetta situazionale, in cui si suppone che la violenza sia l’esito di una provocazione reciproca, e una terapia di coppia può aiutare entrambi a comprendere quali sono i trigger dei propri comportamenti, assumersene la responsabilità e abbandonare le modalità comunicative aggressive. In questo caso però, vi devono essere dei pre-requisiti per procedere con la terapia: entrambi devono essere impegnati nella terapia, motivati al cambiamento e pronti ad assumersi la propria parte di responsabilità. Inoltre anche quando la violenza è biunivoca, l’uomo deve riconoscere la sua maggiore forza e capacità in termini di minaccia e danno potenziale verso la donna.

Nel caso del controllo coercitivo – laddove non vi sia semplicemente una difficoltà comunicativa o di negoziazione tra i due partner, ma una condizione di intimidazione, di dominio e di vero e proprio abuso di uno sull’altra – sono consigliati percorsi individuali per vittima e carnefice. L’idea di fondo di questa scelta sta nell’assunto che la coppia non vada seguita insieme per ragioni innanzi tutto di sicurezza (la vittima andrebbe incontro a ritorsioni anche gravi se provasse a parlare col terapeuta della gravità della violenza o a far valere le proprie istanze), ma anche perché fondamentalmente maltrattante e vittima hanno questioni diverse su cui lavorare.

L’assessment che lo psicoterapeuta fa è cruciale: la sua valutazione iniziale deve poter rilevare la gravità della violenza e i fattori di rischio e letalità per la vittima. Se ad esempio rileva che vi sono stati ricorsi al pronto soccorso o ricoveri ospedalieri a causa della violenza, questa è una informazione che dovrebbe completamente orientare le scelte terapeutiche andando verso una attenzione prioritaria per la sicurezza della paziente che subisce gli abusi.

Conclusioni

Le psicologhe e gli psicologi che accolgono la richiesta d’aiuto di una donna vittima di violenza possono fare molto, usando le proprie competenze anche nell’ambito della tutela della sicurezza. Il loro ruolo può essere cruciale sia nell’emergenza, sia nel post-emergenza, attraverso un empowerment mirato al rafforzamento della capacità di auto-tutela.

Una scelta di sicurezza è auspicabile anche in sede di psicoterapia, semplicemente non procedendo con una terapia di coppia quando si rileva una minaccia seria per l’incolumità fisica di una dei due o quando una dei due appare visibilmente intimorita ad esprimersi in presenza dell’altro.

BIBLIOGRAFIA

Myers D. (1995) – Eliminating the battering of women by men: some considerations for behavior analysis. Journal of applied behavior analysis, 28
Oka, M.; Whiting J. (2011) – Contemporary MFT theories and intimate partner violence: a review of systemic treatments, Journal of couple and relationship therapy, 2011, 10
Ponzio G. (2010) – Un mondo sovvertito. Esperienze di lavoro in case rifugio per vittime di violenza domestica. Le Lettere
Romito P. (2001) – La violenza di genere su donne e minori. Un’introduzione. FrancoAngeli
Walker L.E.A. (2009) – The battered woman syndrome. Springer Publishing

Continua a leggere

Il ruolo della psicologa nei percorsi di uscita dalla violenza

Il ruolo della psicologa nei percorsi di uscita dalla violenza

Articolo di Elena Grilli pubblicato nel 2011 su “Psicoin“.

“Prendi posizione. La neutralità favorisce sempre l’oppressore, non la vittima”

(Elie Wiesel)

Quando cinque anni fa iniziai le mie attività di consulenza per “Donne e Giustizia”, non immaginavo quanto quest’esperienza mi avrebbe cambiato la vita, né quanto avrebbe sovvertito tutto ciò che sapevo di psicologia.
Entrata con l’idea ingenua che avrei avuto a che fare con situazioni patologiche – di uomini malati di mente capaci di aberrazioni nei confronti delle donne che dichiarano di amare o di donne altrettanto malate e fragili, dipendenti e passive – sono stata costretta a constatare un quadro ben più inquietante, di una violenza sì orribile, ma quotidiana, tanto ordinaria da non prestarsi ad alcuna classificazione diagnostica, e soprattutto tanto intessuta nei rapporti tra generi da passare per normale e quindi inosservata anche quando le donne gridano la loro disperazione e chiedono aiuto più e più volte.
Quasi subito ci si rende conto che si tratta di un ambito di intervento, quello sulle donne maltrattate, che non solo rappresenta una sfida professionale per la complessità dei bisogni di cui esse sono portatrici, ma comporta anche una messa in discussione totale del personale essere donna in questo mondo, in questa società e in questa dimensione culturale, che coinvolge non solo le donne maltrattate, ma anche le donne che lavorano in qualità di operatrici, avvocate e psicologhe del centro anti-violenza. Di più: tutte le donne.
Si è infatti costrette a constatare che, come sostiene Patrizia Romito, esiste un continuum tra il desiderio di esercitare un dominio totale sulla propria partner – anche distruggendone l’autonomia materiale e psicologica attraverso la violenza – e i modelli socialmente accettati di mascolinità. È questa la chiave di lettura che è necessario avere per approcciarsi ad un caso di violenza domestica mantenendoci non giudicanti nei confronti della donna che chiede aiuto, consapevoli della cornice culturale in cui le violenze avvengono e sono tollerate, lucide nella ricerca di soluzioni che tengano conto dei limiti innanzi tutto oggettivi ed esterni alla donna – più che solo psicologici – che le sono di ostacolo nei suoi tentativi di affrancarsi dalla violenza.
Un’altra particolarità, capace di togliere la terra da sotto i piedi ad una psicologa, è la seguente: in nessun altro ambito di intervento psicologico o psicoterapeutico che io conosca è necessaria, per procedere correttamente, una precisa scelta di non-neutralità, come nel caso della consulenza alle donne vittime di violenze domestiche. Si tratta di contesti qualitativamente diversi dalla semplice conflittualità di coppia, in cui entrambi i partner hanno una modalità aggressiva e disfunzionale di risolvere il conflitto e soprattutto una responsabilità condivisa e più o meno paritaria. Parliamo invece di situazioni in cui lo squilibrio di potere, di forza, di risorse economiche e materiali, di manipolazione e controllo è tale, da annichilire completamente la donna, limitata nella sua libertà, costretta a vivere in una condizione di isolamento e dipendenza economica, picchiata selvaggiamente se osa ribellarsi, minacciata di essere uccisa se se ne va. Talvolta uccisa davvero. Non è possibile non fare una scelta di valore: dalla parte della vittima, sempre; la responsabilità della violenza a chi la compie, sempre. In realtà non è solo una scelta di valore, ma l’unica modalità operativa veramente utile. La pretesa di neutralità – che dovrebbe portare entrambe le parti a riconoscere la propria corresponsabilità – è pura illusione in queste situazioni e la conseguenza possibile è mettere la donna in un rischio ancora maggiore per la sua incolumità. Rispecchiare alla donna anche solo una parte della responsabilità in quello che accade a casa, infatti, equivale a colludere col maltrattante, il quale utilizza già ampiamente la tecnica della colpevolizzazione della sua vittima, ripetendole che è lei a sbagliare, a provocare, a esasperare. Si farebbe quindi il gioco dell’uomo violento, legittimando le sue accuse nei confronti della partner e togliendo invece a quest’ultima la legittimità della sua reazione alla violenza. Non è dunque evitabile una scelta di campo.

Gli ostacoli che le donne incontrano

La ricerca degli ultimi quarant’anni ha messo in discussione le categorie di derivazione psicoanalitica – il masochismo femminile e il bisogno inconscio di dolore e punizione – chiamate in causa e ampiamente utilizzate fino agli anni ’60 per spiegare l’assenza di motivazione alla separazione delle donne maltrattate.
Negli anni ’70 e ’80, la ricerca sociale – dati empirici alla mano – ha rigettato l’idea di patologia per mettere in luce i concetti di condizionamento legato ai ruoli di genere, il sessismo istituzionalizzato, i limiti legati alle condizioni materiali, economiche e sociali delle donne. Più spesso disoccupate (e anche quando occupate con un reddito inferiore agli uomini), molte donne che volessero separarsi da un partner violento – poco propenso ad essere puntuale nel versare il dovuto mantenimento – esporrebbero se stesse ed i propri figli a condizioni di povertà. Le donne che vengono a chiedere aiuto nel centro anti-violenza sono portatrici anche di bisogni come: un lavoro, un tetto, un mezzo di trasporto, servizi per i figli minori. La psicologizzazione del problema è in questi casi una risposta inadeguata, che colpevolizza la donna e chiude gli occhi di fronte agli impedimenti reali che le rendono impossibile interrompere l’abuso da sola.
A questi si aggiungono gli ostacoli di ordine sociale e ambientale. Il mancato accesso al sostegno di una rete sociale è un aspetto spesso presente in donne che per effetto della violenza fisica e psicologica hanno gradualmente rotto i ponti talvolta perfino con la propria famiglia d’origine, per essere completamente ostaggio del maltrattante. Se la rete di sostegno informale è spesso deteriorata, quella formale ed istituzionale non è sempre efficace. Le donne chiedono aiuto più spesso che in passato, ottenendo però in alcuni casi risposte che anziché aiutarle le lasciano nello status quo, inducendo in loro un senso di impotenza crescente. Possono essere convinte a tornare da quell’uomo che “in fondo è suo marito” ed ha “pure lui i suoi problemi” oppure “per il bene dei figli”. Quando infine subentra la rassegnazione e la donna perde totalmente la speranza di poterne uscire, cala su di loro un giudizio sociale ancora più negativo, di donne malate, incapaci di arrestare la violenza o di interrompere il rapporto abusante.
Patrizia Romito descrive tre tipi di risposte disfunzionali che l’ambiente dà alla richiesta di aiuto della donna vittima di violenze familiari: (1) il non riconoscimento o la minimizzazione della violenza; (2) il rifiuto, che si verifica quando pur prendendo atto che le violenze avvengono, se ne dà la colpa alla donna; (3) la psicologizzazione abusiva, quando si ricercano le cause delle difficoltà della donna nella sua psicologia giudicata patologica, anche se la richiesta si collocava su un piano completamente diverso (ad esempio la donna chiedeva cure mediche o un aiuto economico). In ognuno di questi casi, l’operatore che riceve la richiesta d’aiuto sembra solidarizzare con l’uomo violento, e la donna si sente dire con un gergo solo un po’ più tecnico concetti già abbondantemente espressi in forma di insulto dal loro maltrattante: (1) “Che vuoi che sia, era solo uno schiaffo, non piagnucolare per niente!”; (2) “Che vuoi da me, sei tu che provochi!”; (3) “Sei tu la pazza, sei una donna indegna!”.
Tra gli ostacoli di ordine sociale includiamo anche la tutela inadeguata della sicurezza. Molte donne restano bloccate nella situazione di violenza, più che da un elemento di irrazionalità, piuttosto da un dato di realtà e da una attenta e razionale valutazione del rischio. Esse sanno bene che se provassero a lasciare il partner, andrebbero incontro ad un rischio maggiore per la propria incolumità e sanno che le istituzioni non le proteggerebbero. I numerosi casi di stalking, molti dei quali sfociati in omicidio, testimoniano che questa valutazione è spesso corretta e che in realtà si rischia di meno assecondando l’uomo e rimanendo con lui.
Pur continuando a considerare determinanti i fattori socio-culturali, ed avendo abbandonato definitivamente l’idea di un invischiamento patologico, a partire dagli anni ’90 si iniziano ad enucleare altre cause, di ordine cognitivo, per cui le donne fanno fatica a lasciare un partner violento. Naturalmente queste ricerche costituiscono un patrimonio prezioso per la consulenza psicologica alle utenti del centro anti-violenza, perché permettono di individuare, discutere e ristrutturare gli ostacoli interni all’uscita dalla violenza. Di seguito un elenco dei punti principali:
Informazioni e credenze erronee – Alcune donne possono essere frenate dal prendere una decisione definitiva di interrompere la relazione abusante da una serie di informazioni sbagliate, spesso insinuate dal maltrattante stesso sotto forma di minaccia. Alcune possono temere che l’uomo sarà in grado di togliere loro l’affidamento dei figli se se ne vanno. Altre pensano che se non hanno prove della violenza subita, non possono fare denuncia alle forze dell’ordine. Altre ancora non hanno idea di quali comportamenti costituiscano reato e siano quindi denunciabili. Spesso c’è una ignoranza sui loro diritti fondamentali in caso di divorzio. Si tratta naturalmente di un tipo di ristrutturazione cognitiva che viene attuata dalle avvocate del centro semplicemente trasferendo le informazioni corrette. Questa operazione, benché banale, è capace da sola di alleviare notevolmente i timori delle donne.
Non percepire se stessa come vittima di violenza
 – Molte donne, come si è già visto, non sono poi così passive come il senso comune ritiene: si difendono e difendono i loro figli, cercano di far intervenire familiari e amici, cercano di ragionare con l’uomo affinché cambi, utilizzano strategie disparate per cercare di far funzionare il loro matrimonio. Questo essere così attive paradossalmente impedisce loro di vedere se stesse come “la tipica donna maltrattata” e la conseguenza è che potrebbero non chiedere aiuto. Un altro meccanismo è quello della normalizzazione, cioè il percepire atti violenti da parte del marito come qualcosa di normale, che si verifica in ogni matrimonio. La situazione è naturalmente più grave quando vi è isolamento dal contesto sociale e assenza di un confronto con altre persone che potrebbero fornire interpretazioni diverse della realtà.
Percezione stabile del pattern della violenza – La ricerca ha stabilito un nesso tra la decisione delle donne di andarsene e la loro percezione che la violenza stia diventando nel tempo più frequente e più grave. Questo infatti le porta a fare una previsione di ulteriore peggioramento delle loro condizioni di vita e a una perdita della speranza che le cose possano cambiare in meglio. Viceversa, la percezione che la violenza si sta mantenendo costante nel tempo, così come il non percepire una diminuzione nella quantità di affetto espresso nella coppia, è una strategia cognitiva che da un lato permette a queste donne di vedere la relazione più positivamente e di “tenere duro”, ma dall’altro le induce a restare.
Attribuzioni causali e di responsabilità – Chi subisce atti violenti naturalmente cercherà di darsi delle spiegazioni circa il perché sia accaduto questo proprio a lei. Le spiegazioni che si dà sono cruciali nel processo di decision making (andarsene/restare). È infatti più probabile che decida di lasciare il partner la donna che si dà una spiegazione in termini di attribuzione (1) interna al partner, (2) globale e (3) stabile, cioè se dirà a se stessa che le cause della violenza risiedono in qualcosa che appartiene alla personalità del partner, al suo modo di essere globale che è immodificabile. Se invece si dà spiegazioni in termini di attribuzione esterna (un momento difficile per il partner che magari è nervoso perché ha perso il lavoro) oppure interna a se stessa (sono io che ho sbagliato), questa decisione è molto meno probabile, perché la donna confida che la violenza cesserà se ad esempio determinate condizioni esterne miglioreranno oppure se loro stesse staranno più attente a non sbagliare.
Investimento psicologico nella relazione
 – Per alcune donne è estremamente dolorosa l’esperienza di constatare come anche l’estremo sacrificio non sia servito a far funzionare il matrimonio e per una reazione spiegabile come il risultato di una dissonanza cognitiva, preferiscono rinnovare gli sforzi, investendo ancora di più, in termini di tempo, risorse, sopportazione. In questo incidono fortemente anche valori morali e religiosi e stereotipi di genere che vogliono la donna “angelo del focolare” interamente responsabile del benessere e dell’armonia familiari. A questo si aggiunge che anche una relazione abusante avrà certamente degli elementi di gratificazione per la donna, quelli che vengono evocati come “i momenti belli”. Leonore Walker, già alla fine degli anni ’70 teorizzava il noto “ciclo della violenza”, suggerendo che spesso i maltrattamenti erano seguiti da un periodo di calma (detta “fase luna di miele”), durante il quale il maltrattante può impegnarsi in comportamenti compensatori quali fare regali, promesse di cambiamento, mostrare affetto, fare complimenti. Insomma, subito dopo l’episodio di violenza, il comportamento del maltrattante tende ad avvicinarsi a quello dell’uomo ideale e fa rinascere le speranze nella possibilità di una unione felice. Il comportamento della donna di continuare la relazione viene così rinforzato all’interno di un complesso sistema di premi e punizioni.
Ho elencato solo alcune delle risultanze della recente letteratura sul tema della “stay-leave decision”. Caso per caso, poi, la psicologa sarà in grado di individuare anche molti altri “pensieri-ostacolo” che necessitano di essere ristrutturati per aiutare la donna ad emanciparsi dalla violenza. Tra questi, un’idea di se stessa come poco amabile e indegna di felicità, doverizzazioni assolute su di sé, catastrofizzazioni, idee fatalistiche, pensieri di espiazione, giudizi negativi su di sé in termini di inadeguatezza, nonché la tendenza a commisurare il proprio valore personale sulla base della maggiore o minore aderenza al ruolo culturalmente associato al genere femminile.

Il processo di uscita dalla violenza

L’intrappolamento in una relazione violenta è graduale e può essere descritto come un processo di progressivo adattamento attraverso il quale le donne modellano il proprio comportamento in una direzione di crescente accondiscendenza, remissività, sottomissione, non necessariamente perché sono persone per natura passive e dipendenti, bensì perché queste modalità sono funzionali a prevenire le esplosioni di rabbia. A breve termine funzionano, sono utili a scongiurare la violenza e quindi vengono apprese come strategia di sopravvivenza. Di fatto lo stile passivo spesso è la risposta più adattiva al pericolo, anche se ovviamente diventa disfunzionale a lungo termine. La scelta di passività infatti riduce piano piano la self-efficacy, restringe le strategie di coping e aumenta la dipendenza.
Come l’intrappolamento, così anche l’uscita dalla violenza può essere concettualizzata più come un processo che come un singolo evento: un processo non lineare, con temporanee interruzioni, regressioni, strategie preparatorie, che inizia prima della separazione fisica e che continua ben oltre la separazione stessa. Si tratta di un fenomeno complesso, che implica non una decisione, ma molte decisioni e molte azioni, in un arco di tempo di mesi o anni. Sono possibili ripensamenti, pentimenti, dubbi, accelerazioni, titubanze, cambiamenti di rotta, il tutto in stretta relazione non solo con i cambiamenti sul piano cognitivo (nella percezione della donna rispetto a se stessa, al partner, al loro rapporto e alla violenza), ma anche, come si è già visto, con i fattori sociali e ambientali che possono intervenire a facilitare od ostacolare la donna in questo percorso, sostenendo la sua determinazione oppure fiaccandola col biasimo.
Il processo non si arresta con la separazione fisica dal partner per tre ordini di motivi. Il primo è che non è possibile far coincidere l’uscita dalla violenza con la semplice interruzione del rapporto. Chiudere una relazione non equivale a lasciarsi la violenza alle spalle: si avrà a che fare col maltrattante e si sarà esposte ad una possibile violenza ogni volta che lui l’andrà a cercare per insistere di tornare insieme oppure ogni volta che in virtù di un affido congiunto si dovranno scambiare i figli. I dati forniti dalle ricerche sullo stalking indicano una tendenza generale all’esacerbazione della violenza in seguito alla separazione, piuttosto che una sua cessazione. Il secondo motivo risiede nel fatto che, se le donne all’interno di una relazione abusante vanno facilmente incontro a conseguenze talvolta serie per la loro salute mentale, quando decidono di separarsi sono esposte ad un rischio addirittura maggiore di depressione. Le cause sono da ricercare nell’aumentato carico di stressors a cui la donna va incontro in una fase che comporta sfide importanti: trovarsi un lavoro, un altro tetto, ricostruire rapporti sociali e una rete di sostegno, battaglie legali per l’affidamento dei figli, oltre che continuare a difendersi dalle violenze che magari si sono fatte perfino più pericolose.
Il terzo motivo ha a che fare con un fenomeno tutt’altro che raro e che favorisce un giudizio negativo sulla donna: la possibilità di un ritorno dal partner violento. La letteratura più recente tende a leggere questo fenomeno in chiave sempre più positiva, come un evento possibile che fa parte del processo di uscita dalla violenza piuttosto che il fallimento del processo stesso determinato dalla definitiva incapacità della donna di farcela. Ad ogni breve separazione e ritorno corrisponde l’acquisizione di nuove coping skills e un innalzamento della self-efficacy (naturalmente a patto che l’operatrice con cui viene in contatto ne dia questa lettura); è come se la donna si esercitasse prima della separazione definitiva attraverso dei brevi tentativi preparatori. Di fatto la ricerca quantitativa ci dice che esiste una correlazione forte tra la probabilità di troncare definitivamente un rapporto maltrattante ed il numero di precedenti separazioni. Come illustrano due ricercatrici (Lerner e Kennedy, 2000), la tentazione al ritorno appare inversamente proporzionale alla self-efficacy della donna in un dato momento. Nei primi 6 mesi dopo la separazione vi è il massimo di vulnerabilità, di tentazione a tornare e sintomi legati al trauma (disturbi del sonno, depressione, dissociazione), che tendono a decrescere nel tempo di pari passo con l’aumento della fiducia in sé. Dopo un anno fuori dalla relazione abusante, avviene l’inversione di tendenza: i livelli di self-efficacy sorpassano la tentazione di tornare indietro.
Come è facile intuire, sposare un’ottica di tipo processuale aiuta le operatrici a sospendere il giudizio nei confronti della donna e rende più agevole individuare quei fattori e quelle abilità che possono essere rinforzate in un progetto razionale di uscita dalla violenza. Viceversa, pensare che lasciare il partner violento sia una singola decisione da ricondurre ad una questione di volontà individuale, rende più facile vedere solo i fallimenti della donna, le sue inadeguatezze, i suoi deficit.

La consulenza psicologica in un centro anti-violenza

Compito del centro antiviolenza è di accompagnare la donna e sostenerla almeno in una parte di questo processo. La richiesta d’aiuto può arrivare in qualunque fase e la consulenza si deve naturalmente adattare agli specifici bisogni di quella fase.
Per quanto riguarda la specificità della consulenza psicologica, essa mira a facilitare quei cambiamenti a livello cognitivo, emotivo e comportamentale che vanno nella direzione di una crescente capacità di tutelare la propria sicurezza (a prescindere che la donna voglia o meno interrompere il rapporto), di contrastare il processo di vittimizzazione e di addivenire ad un progetto per la propria vita autonoma e libera dalla violenza. Di seguito uno schema illustrativo con esempi di azioni nelle varie fasi del processo di uscita dalla violenza.

All’interno della relazione
Educare a riconoscere i vari tipi di violenza
Informare sull’impatto della violenza domestica sulla salute fisica e psicologica
Spiegare le conseguenze della violenza diretta e/o assistita sui bambini
Fornire una interpretazione alternativa della realtà
Descrivere il ciclo della violenza
Ridefinire la situazione come abuso
Insegnare a riconoscere i segnali premonitori dell’escalation violenta
Insegnare la tecnica del time-out, per arrestare l’escalation

Fase di separazione
Fornire riferimenti e contatti
Dare informazioni specifiche su servizi e risorse del territorio
Sostenere la motivazione al cambiamento e il senso di auto-efficacia

Post-separazione
Ascoltare difficoltà e dubbi, dare conferme
Sottolineare i progressi che sta ottenendo
Sostenere il benessere psicologico rinforzando i fattori protettivi
Rielaborare i ricordi dolorosi
Insegnare strategie per difendersi dallo stalking
Migliorare l’assertività

Eventuale ritorno
Analizzare i motivi che l’hanno indotta a tornare
Rinforzare i risultati ottenuti
Consolidare le abilità e le strategie di coping acquisite

L’importanza di personalizzare la consulenza rispetto alla fase in cui si trova la donna non ha a che fare solo con una valutazione dell’efficacia del nostro intervento (ad esempio, è inutile prospettarle un piano di fuga se lei non ha chiare le conseguenze nefaste della violenza ed ha una tendenza a minimizzarla), ma anche con evidenze legate alla sicurezza (ad esempio, mirare ad aumentare i comportamenti di autonomia e a rafforzarne l’assertività può metterla a rischio di violenze più gravi finché è ancora all’interno di un rapporto totalmente controllante).
Il racconto che la donna fa della sua esperienza di violenza può essere anche molto lungo ed arrivare a riferire di esperienze dell’infanzia che lei ritiene essere all’origine delle sue attuali difficoltà. Sono le situazioni in cui la donna sente di essere portatrice di una sorta di “vulnerabilità” personale che la rende fragile di fronte all’aggressività o al controllo del partner attuale. Naturalmente uno spazio di ascolto viene offerto e la sofferenza della donna accolta. Tuttavia un’analisi approfondita di questo livello attiene ad una vera e propria psicoterapia, servizio che il CAV non effettua. Di conseguenza è necessario che l’assessment e la restituzione alla donna di quanto emerso dalla nostra valutazione rimangano focalizzati maggiormente sul presente e sui fattori di mantenimento delle problematiche attuali piuttosto che sui fattori predisponenti.
Vengono quindi analizzati gli episodi di violenza, gli stimoli che scatenano la rabbia dell’uomo, i comportamenti disfunzionali della donna nel gestire l’escalation violenta. Si ricostruisce l’andamento della violenza nel tempo, in termini di frequenza ed intensità, per mostrare alla donna la tendenza all’aggravamento e portandola alla constatazione che le sue speranze di poter cambiare il partner non sono precisamente ben riposte (qui si va a colpo sicuro, perché non succede mai che l’andamento della violenza nel tempo sia decrescente!).
Si prendono in esame le spiegazioni che la donna si dà di questa violenza, perché sappiamo come determinate idee disfunzionali possano avere un ruolo cruciale nel tenerla bloccata. Si ascoltano i ragionamenti talvolta confusi, per trovarne una logica e darne una spiegazione, come quando la donna riferisce di avere la sensazione di avere davanti un uomo doppio, un Jekyll e Hyde, o dichiara che è probabilmente affetto da personalità multiple e le si mostra come è invece lo stesso uomo, con una personalità ben precisa e un preciso bisogno di controllo, che la picchia per avere questo controllo e poi sempre assecondando lo stesso bisogno la implora di non lasciarlo perché la ama e non può vivere senza di lei. Si aiuta la donna a farsi chiarezza relativamente ai suoi sentimenti molteplici e contrastanti, per un uomo che sente di amare, odiare, compatire, temere, dando legittimità a tutte queste emozioni.
Si analizzano una ad una le strategie che la donna ha tentato nel tempo e senza troppo successo per arrestare la violenza, rinforzando comunque la sua forza, determinazione, capacità di farsi venire idee sempre diverse, perché sappiamo che al di là del fatto che queste strategie non hanno funzionato all’interno di una relazione dove il suo potere è nullo, la loro variabilità è comunque indice di una abilità di problem solving che la donna possiede e che le sarà utile nel fronteggiare le sfide del dopo separazione. Si ricostruiscono tutte le volte che ha chiesto aiuto e le è stata data una risposta che l’ha fatta sentire ancora più umiliata, sola, colpevole e le si spiega il ruolo degli stereotipi di genere nel modellare risposte quali: “Signora, non lo denunci, è pur sempre suo marito!” o “Per il bene dei suoi figli, ci passi sopra e fate pace.”
Tanto basta a ridare alla donna una idea di dignità personale che aveva perso, scrollandosi di dosso ingiusti sensi di colpa e attivare la sua motivazione al cambiamento. Si tratta di una restituzione con un potere ristrutturante potente, formulata in modo da facilitare il problem solving, senza necessità di sondare i traumi di un lontano passato, che meritano certamente di essere analizzati e rielaborati, ma in un setting terapeutico – molto diverso da quello che il CAV è in grado di offrire – e soprattutto in un tempo successivo alla uscita dalla spirale della violenza. Finché ne è prigioniera, infatti, tutte le sue energie fisiche e mentali saranno orientate a contrastare la rabbia e l’aggressività del partner, starà per forza di cose in uno stato di allerta continuo per una minaccia presente e reale, e difficilmente avrà la giusta disposizione mentale per affrontare un percorso lungo ed impegnativo come una psicoterapia.

Conclusioni

Fare l’operatrice di un centro-anti-violenza non è un lavoro e basta. Chi vuole la nostra assistenza non è una vittima e basta, e noi non siamo psicologhe e basta. Quando una psicologa donna e una donna maltrattata si incontrano, il fatto di appartenere entrambe al genere femminile non è insignificante e non è un fatto neutro. È un’esperienza esistenziale, che ci obbliga a rimettere in discussione l’ordine del mondo e a leggerlo con gli occhi dell’oppressione. È un’esperienza che ci catapulta giù dalla comoda seggiola di una discutibile neutralità per fare la scelta coraggiosa di stare con lei. “Prendi posizione. La neutralità favorisce sempre l’oppressore, non la vittima” (Elie Wiesel).

Bibliografia

– Anderson D.K., Saunders D.G. (2003) – Leaving an abusive partner: an empirical review of predictors, the process of leaving, and psychological well-being. Trauma violence & abuse, 4, 163-191
– Bell K.M., Naugle A.E. (2005) – Understanding stay/leave decisions in violent relationships: a behavior analytic approach. Behavior and social issues, 14, 21-45
– Enander V., Holmberg C. (2008) – Why does she leave? The leaving process(es) of battered women. Health care for women international, 29, 200-226
– Lerner C.F., Kennedy L.T. (2000) – Stay-leave decision making in battered women: trauma, coping and self-efficacy. Cognitive therapy and research, 24, 215-232
– Myers D. (1995) Eliminating the battering of women by men: some considerations for behavior analysis. Journal of applied behavior analysis, 28, 493-507
– Pape K.T., Arias I. (2000) – The role of perceptions and attributions in battered women’s intentions to permanently end their violent relationships. Cognitive therapy and research, 24, 201-214
– Romito P. (2001) – La violenza di genere su donne e minori. Un’introduzione. FrancoAngeli
– Walker L.E.A. (2009) – The battered woman syndrome. Springer Publishing

Continua a leggere

Sopravvivere alla violenza

Sopravvivere alla violenza

La violenza lascia dei segni, non solo fisici. Una donna che ha subito maltrattamenti può sentirsi annullata, priva di valore, incapace, indegna di affetto, spaventata, o addirittura colpevole degli stessi abusi di cui è stata vittima.

La strada per ricostruire se stessa e una vita soddisfacente passa attraverso 4 “A”:

Autostima

In opposizione alla squalifica e alla denigrazione, è possibile ricominciare a credere in se stesse e costruirsi un’immagine di sé positiva, di valore e dignità personale.

Autonomia

In opposizione alla limitazione della libertà e alla dipendenza, è possibile ristabilire un giusto livello di auto-determinazione, indipendenza e affermazione personale.

Assertività

In opposizione all’isolamento e alla passività, è possibile allargare la propria rete sociale e comunicare con gli altri in modo positivo, autentico, assertivo.

Affettività

In opposizione alla sottomissione, all’esagerata gelosia e al controllo, è possibile ricominciare a stabilire relazioni affettive caratterizzate dal rispetto e dalla parità.

Chi è uscito da una storia di abusi e di sopraffazioni non ha un destino segnato di sofferenza e sottomissione. La violenza cambia le persone, che però hanno sempre la possibilità di prefiggersi quegli obiettivi di crescita personale che la violenza ha ostacolato, inibito, frustrato per molto tempo.

A volte, per riprendere contatto con la persona che si era prima di attraversare l’inferno degli abusi, è necessario uno spazio in cui poter dire l’indicibile, estrarlo da sé, analizzarlo prima di accantonarlo. Infine, riposizionare lo sguardo sul presente e sul futuro e sulla nuova vita che ci si ripropone.

I servizi del “Cerchio di Banpo”

Continua a leggere

Fronteggiare la violenza

Fronteggiare la violenza

La fondamentale manifestazione della violenza nelle relazioni intime consiste in tutta una serie di strategie anche molto sottili per acquisire e mantenere una solida posizione di potere e controllo. Di conseguenza, chi è prigioniero di una relazione maltrattante difficilmente riuscirà a liberarsene da sola.

Se la violenza è molto grave, la pericolosità del maltrattante è elevata e la donna ha bisogno di un immediato allontanamento, è necessario chiedere aiuto presso le Forze dell’ordine, i Servizi sociali del proprio Comune, oppure chiamando il numero nazionale anti-violenza 1522 per essere inviata presso il Centro anti-violenza più vicino.
Nei casi in cui l’incolumità della donna non è immediatamente a rischio e per i motivi più vari, la fuga non è una soluzione che la persona desidera mettere in atto, un intervento mirato alla tutela della sicurezza personale è comunque possibile.

L’elaborazione di un piano di sicurezza personalizzato mette la vittima nella condizione di essere maggiormente consapevole delle proprie risorse personali e delle risorse disponibili all’interno della comunità. Attraverso una attenta analisi comportamentale, vengono individuate le azioni e le strategie per incrementare il livello di sicurezza personale e dei propri figli, ed essere preparata alla successiva esplosione di violenza sapendo di avere delle scelte possibili su come rispondere ad essa. Difficilmente il maltrattante modificherà il proprio comportamento aggressivo, e la donna che subisce la violenza non potrà mai avere il potere di gestirla, tuttavia la donna può rendere se stessa più efficace nel proteggersi.

Denunciare le violenze e chiedere un intervento a livello istituzionale (da parte della Giustizia o dei Servizi sociali) è comunque lo strumento di tutela principale e talvolta insostituibile, oltre che un diritto delle cittadine.

Continua a leggere

fEMPOWER: il libro

fEMPOWER: il libro

Una esperienza di gruppo per donne vittime di violenza nelle relazioni sentimentali.

Dal 2006 al 2019 la dott.ssa Grilli ha collaborato con il centro antiviolenza di Ancona “Donne e Giustizia”. All’interno di questa collaborazione è stato realizzato un laboratorio di donne, sopravvissute alla violenza maschile, che desiderano ricostruire se stesse, riprendere in mano la propria vita, che la violenza aveva tentato di scippare, schiacciare, annichilire. Una volta ritrovata la libertà dalla violenza, la sfida è quella di rimettere insieme i pezzi, per tornare ad essere serene, con una sana fiducia in se stesse, capaci di difendere i propri diritti, concentrate sul proprio benessere personale.

Il gruppo fEMPOWER mirava a fornire alle donne che lo desideravano uno spazio nel quale liberamente esprimere se stesse, in un clima di accoglienza e di rispetto. La relazione fra donne è già un elemento di sostegno psicologico importante, di grande aiuto nel contrastare gli effetti devastanti della violenza psicologica (insulti, squalifiche, umiliazioni, minacce, intimidazioni, persecuzioni, controllo, isolamento, svalutazione, colpevolizzazione). Il gruppo è inoltre uno spazio di elaborazione e di innalzamento della consapevolezza rispetto alle seguenti aree:

  • conoscenza delle dinamiche della violenza e delle strategie di fronteggiamento ed autoprotezione;
  • conoscenza e gestione dell’ansia e delle paure;
  • affermazione personale e difesa dei propri diritti attraverso la comunicazione assertiva.

Dal laboratorio realizzato nel primo anno di attività del gruppo, è nato il libro FEMPOWER, che può essere una utile traccia per riproporre il laboratorio anche in altri contesti.

Scarica l’ebook in formato kindle

Scopri i servizi dedicati alle donne

Continua a leggere

© Elena Grilli – Psicologa ad Ancona e Psicoterapeuta |2016-2021| All Rights Reserved | P.IVA 02438570422009875 25445 55 | credit - coockie policy