“Il cerchio di Banpo” è un percorso di gruppo centrato sull’assertività e l’affermazione personale delle donne.

Il programma del laboratorio ruota intorno a tecniche specifiche per rafforzare l’autostima, gestire emozioni e stati d’animo, porsi obiettivi di crescita personale e di sfida attiva delle proprie paure. Molto pragmatico ed esperienziale, permette di incrementare abilità specifiche e la fiducia nel proprio potenziale.

Di seguito alcune delle tematiche che possono essere affrontate:

  • Le specificità dell’autostima al femminile
  • Il rapporto col “femminile”
  • Il rapporto col “maschile”
  • I meccanismi di intrappolamento e svalutazione del potenziale
  • Costruirsi un’idea di valore personale
  • Difendersi dalla manipolazione affettiva
  • Interrompere i meccanismi che alimentano l’ansia
  • La paura: riconoscerla e sfidarla
  • La rabbia: riconoscerla e usarla in modo costruttivo
  • Difendere i propri confini e i propri diritti
  • Sopravvivere al perfezionismo
  • Costruire un rapporto sano col proprio corpo
  • La violenza di genere e le molestie: come difendersene

Protagoniste ne sono le donne per due ordini di motivi:

– Il laboratorio è l’evoluzione in ambito privato di una precedente esperienza simile realizzata per il centro antiviolenza di Ancona, che permetteva a donne vittime di violenza di emanciparsi anche psicologicamente da contesti di maltrattamento e abuso;

– Se anche l’autostima è un fattore rilevante per tutti, in una cultura ancora profondamente patriarcale e maschilista sono le donne a pagare il prezzo più alto in termini di svalutazione, squalifica, sottostima del valore e delle capacità personali. Riservare questo spazio solo alle donne mira a restringere il gap, passando anche per lo sradicamento di stereotipi e pregiudizi di genere che inevitabilmente indeboliscono l’autostima.

Il servizio è pensato per essere itinerante, a disposizione di qualunque realtà (associazioni, centri, sportelli antiviolenza, strutture d’accoglienza) che voglia avvalersene per sé e/o per la propria utenza.

I gruppi possono andare da un minimo di 8 a un massimo di 15 persone. A seconda della dimensione del gruppo e del contesto, il programma viene personalizzato. Anche il numero e la durata degli incontri può essere flessibile in base alle specifiche esigenze del gruppo.

 

Per info: Elena Grilli, 3347418671

Supervisione di servizi antiviolenza

L’uscita dalla violenza è un percorso, composto da fasi, ognuna delle quali ha delle specificità.

Formazione sulla violenza di genere

La violenza sulle donne segue un preciso pattern, uno schema ridondante che mira al potere e al controllo.

Approfondimenti